• Governance, legittimazione e vulnerabilità

    La governance tra legittimazione vulnerabilità, a cura di Alessandro Arienzo, Francesca Scamardella, Napoli, Guida, 2020.

    La governance è spesso presentata come un modello di cattura del pubblico da parte di interessi particolari. L’accostamento della vulnerabilità alla governance può apparire distonico. I contributi raccolti in questo volume vogliono smascherare questa distonia e riflettere sul nesso che c’è tra i due termini.

    Leggi tutto...
  • La macchina della prosperità

    Pietro Sebastianelli, La macchina della prosperità. Saperi economici e pratiche di governo in François Quesnay, Napoli, Bibliopolis, 2019.

    Il pensiero di François Quesnay è di fondamentale importanza per inquadrare storicamente la nascita, in epoca moderna, di una nuova razionalità politica, in grado di orientare l’arte di governare gli uomini e incentrata sull’economia come orizzonte strategico di riferimento.

    Leggi tutto...
  • Innov/Azioni

    Innovazione/i. Percorsi per una strategia multidisciplinare a cura di Flavia Palazzi, Giovan Giuseppe Monti e Pierluigi Ametrano (Napoli, 2019). 

    Di cosa discutiamo esattamente, a cosa ci riferiamo, quando parliamo di innovazione? Se ne discute nella raccolta a cura di Flavia Palazzi, Giovan Giuseppe Monti e Pierluigi Ametrano (Napoli, 2019). Coi contributi di Alessandro Arienzo, Angela Balzano, Iacopo Grassi, Marco Bentivogli, Pietro Sebastianelli e Thierry Ménissier.

    Leggi tutto...
  • Le ragioni dello Stato e della Chiesa

    Gianfranco Borrelli, Lorenzo Coccoli (a cura di), Ragion di Stato e Ragioni della Chiesa, Bibliopolis, Napoli, 2019.

    Nel confronto con al tradizione italiana della Ragion di Stato, i saggi ricostruiscono le molteplici ragioni della Chiesa cattolica che, in diversi momenti storici, vengono teorizzate e praticate attraverso documenti, trattati di teologia, di filosofia e di giurisprudenza o dedicati all’esercizio quotidiano della devozione.

    Leggi tutto...

ARS RoSA

Ragion di Stato

L’espressione ragion di Stato appartiene al linguaggio ed alla cultura politica del tardo Rinascimento. Interrogarsi ancora oggi sull’esperienza storica e teorica delle Ragion di Stato permette di porre in risalto, nella cosiddetta globalizzazione, di quanto ancora attuale sia l’indagine sulle ragioni che fondano, giustificano e orientano l’operato dello Stato e sui problemi relativi alle arti, alle tecniche e alle tecnologie della su conduzione.

Leggi...

Democrazia

L’importanza che a partire dagli anni ’90 del secolo scorso hanno assunto gli studi sulla ragion di Stato è parte del ravvivarsi di un più ampio dibattito sul ruolo dello Stato e sulle forme della democrazia politica nel contesto della cosiddetta globalizzazione e dell’affermarsi di una forme nuove di governance globale e locale.

Leggi...

InnovAzioni

Nell’epoca dello svanire degli orizzonti della Rivoluzione e del Progresso, sembra imporsi una differente spinta all’Innovazione. Il tema dell’innovazione può essere però sottratto ai campi ristretti e parziali della tecnologia e del mercato, per divenire strumento concettuale per la comprensione e l’indirizzo etico, politico e sociale delle società e delle culture democratiche.

Leggi...

Le nostre pubblicazioni

Il Centro studi ha tra le sue missioni quella di rendere accessibili i risultati delle attività di ricerca dei propri associati e di pubblicizzare le proprie attività seminariali e di studio. A tal fine, si è dotato di due diverse collane e di collaborazioni con riviste scientifiche. Il Centro ha ereditato i volumi curati dell’Associazione…

Leggi tutto...

IN PRIMO PIANO

  • Una raccolta di studi a cura di Guido Cappelli e Giovanni De Vita (Napoli, UniorPress) liberamente scaricabile. I contributi si interrogano su temi decisivi nella riflessione politica moderna e che concorrono a formare l’idea moderna di Stato: dalla tradizione giuridica a quella dell’ars dictaminis, a quella umanistica rinascimentale e post-rinascimentale, nutrite di pensiero classico, la riflessione investe le strutture concettuali e discorsive che – tra conflitti, contraddizioni e adattamenti. L’ultima sezione affronta, da un punto di vista storico-critico e filosofico-politico, le sfide che l’epoca contemporanea pone alla modernità politica e alla dottrina, ma forse ancor più alla realtà stessa, dello Stato. Sullo sfondo, l’invito ad esplorare un approccio rinnovato alla concettualizzazione della politica e dei comportamenti pubblici, a partire dalla riflessione sul pensiero europeo tra basso Medioevo e prima Età moderna.

    Al di là del Repubblicanesimo: Modernità politica e origini dello Stato
  • Il prossimo 23 ottobre (ore 16-18) si tiene il webinar dal titolo Innovazione politica e sociale. Teorie, politiche, immaginari. L’incontro è organizzato nell’ambito delle attività finanziate dal programma Cassini dell’Ambasciata di Francia in Italia. Discutono Gianfranco Borrelli, Fabienne Martin-Juchat Thierry Ménissier. Introduce i lavori Alessandro Arienzo. Per partecipare: ZOOM link – https://tinyurl.com/Uninnova Meeting ID: 948 0960 4357 Passcode: 8icvcS .


    Innovation politique et sociale. Théories, politiques, imaginaires
  • Immaginazione e progetto dell’Area delle scienze politiche e sociali. Tra le più significative iniziative culturali degli ultimi anni, quella che prende avvio giovedì 4 giugno alle 15 con un focus su La scienza politica: dalla prova dell’emergenza alla sfida delle proposte, è il frutto dell’impegno (volontà) della Consulta di Area 14 ad avviare una stagione nuova di riflessione (auto)critica e di progettualità. Scarica la locandina

    Dall’emergenza al cambiamento
  • Ragion di Stato e machiavellismi: nuove prospettive storiografiche. Il seminario si terrà giovedì 5 marzo, dalle 14.30 alle 18, presso di il Dipartimento di Studi Umanistici (Sala lignea Ex-catalogo). Coordinato da Gianfranco Borrelli, il seminario vede la partecipazione di studiosi italiani e brasiliani di Machiavelli e della ragion di Stato.

    Ragion di Stato e machiavellismi: nuove prospettive storiografiche
  • In occasione del decennale della “Rivista di Politica” si terrà il prossimo 2 marzo a Napoli, presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università “Federico II”, una giornata di studi dedicata alle Tradizioni politiche italiane. Il convegno sarà introdotto dal Presidente AISDP, Claudio Palazzolo e dal Direttore della Rivista di Politica, Alessandro Campi. L’incontro è organizzato da Gennaro Maria Barbuto, Maurizio Griffo e Alessandro Arienzo e prevede interventi sulle traduzioni italiane umanistico-rinascimentali, socialista, comunista, cattolica, liberale femminista.

    Tradizioni politiche italiane
  • Fausto Proietti dell’Università di Perugia ne discute il prossimo 13 febbraio (ore 14.30-18.00) al Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università “Federico II” di Napoli.

    Con lui, Gianfranco Borrelli e Pietro Sebastianelli. L’incontro, coordinato da Alessandro Arienzo, vede la partecipazione di Gennaro Maria Barbuto, Jaqueline Fatima Roman, Maurizio Griffo, Diego Lazzarich, Giovanni Monti, Flavia Palazzi, Maria Pia Paternò, Francesca Russo, Giorgio Volpe.

    Crisi della rappresentanza e legislazione diretta: Parigi 1850
  • Si tiene a Torino il 30-31 Gennaio 2020 prossimi il seminario Governance e trasformazioni della sovranità: storia, problemi e prospettive, Università di Torino, Campus Luigi Einaudi, Lungo Dora Siena 100 A. Il workshop, organizzato da Giovanni Borgognone, Francesco Gallino e Francesco Tuccari, rientra nell’ambito del progetto PRIN 2015: Trasformazioni della sovranità, forme di governamentalità e dispositivi di governance nell’era globale.

    Governance e trasformazioni della sovranità
  • Nell’ambito del Modern Philosophy and Critical Theory in the Early Frankfurt School (MOSCHO) Seminar 2019/2020 su REASON AND MODERNITY coordinato e organizzato da Raffaele Carbone si tiene il 27 gennaio 2020, ore 15, la lezione di Alessandro Arienzo su “La ragione politica della Ragion di Stato“.

    La ragione politica della Ragion di Stato
  • Si terrà a Catania il 20 gennaio il convegno Le migrazioni e la città: il sapere agito. Si discuteranno i volumi: Luca Scuccimarra, Potreggere l’umanità. Sovranità e diritti umani nell’epoca globale, Il Mulino, 2016; Stefania Mazzone (a cura di), Narrare le migrazioni. Tra diritto, politica, economia, Bonanno Editore, 2018.

    Segue la locandina

    Le migrazioni e la città: il sapere agito
  • Il 12 e 13 dicembre, a Pisa, si tiene il Convegno nazionale dell’Associazione Italiana degli Storici delle Dottrine Politiche di cui alleghiamo il programma. Il tema è “I soggetti e le azioni della politica nella storia del pensiero”. Al convegno seguirà l’assemblea dei soci.

    I soggetti e le azioni della politica nella storia del pensiero

Aggiornamenti

Michel Foucault: governamentalità e ragion di Stato

di Michel Senellart. Ripubblichiamo un importante contributo sulla lettura foucaultiana della ragion di Stato, nel contesto della sua più complessiva analisi intorno alla governamentalità

Leggi...
In New York, in a little shop, those watches where there, hanging in front of me !

Otium e negotium nel nuovo DPCM

Nelle settimane tra ottobre e novembre si sono susseguiti una serie di nuovi provvedimenti che hanno modificato in maniera sostanziale il rapporto tra i cittadini e il proprio tempo, confinandoli solo parzialmente all’interno dello spazio domestico.

Leggi...

Innovation politique et sociale. Théories, politiques, imaginaires

“Quale ruolo per la filosofia e la politica nelle società dell’innovazione?” Su questo interrogativo si è tenuto il 23 ottobre 2020 il webinar dal titoloInnovazione politica e sociale. Teorie, politiche, immaginari.organizzato nell’ambito delle attività finanziate dal programma Cassini dell’Ambasciata di Francia in Italia dal nostro centro di studi, in collaborazione col Dipartimento di Studi Umanistici…

Leggi...

L’evento e il Reale

Pierluigi Ametrano (Ars RoSA). Con tutta la propria traumaticità, mediante una frattura che si forma nel senso comune, il Reale accade nelle fattezze di un evento imponderabile: un taglio che apre uno spazio oltre il proprio manifestarsi, perché gli effetti che si producono sono imprevedibili sia nel soggetto che nel corpo sociale.

Leggi...

Nella Smart City

di Federico Simonetti. Chi si interessa di innovazione e tecnologia, fa i conti spesso con termini che entrano nel dibattito pubblico senza che si abbia una chiara comprensione delle implicazioni dirette e indirette del loro utilizzo o del loro sviluppo, specie quando si tratta di politica locale. Tra questi, quello di smart city

Leggi...

Can America Benefit from Covid? Ask 14th-Century Florence

“We may be getting some of the most positive lessons of plagues wrong, di Jacob Soll. Segnaliamo il testo già pubblicato su POLITICO il 25 luglio 2020.

Leggi...

Tempo di passaggi. Ripensare la politica: dalla virtù al virtuale

L’History & Politics Summer School nata nel 2016 giunge alla sua V edizione e tratterà il tema “Tempo di passaggi. Ripensare la politica e i suoi mutamenti: dalla virtù al virtuale”, con un focus sui fenomeni populisti connessi alla rivoluzione digitale.

Leggi...

Sul carteggio tra Werner Kaegi e Delio Cantimori (1935 – 1966)

Animus comune di Patricia Chiantera-Stutte offre un’accurata testimonianza del carteggio intercorso tra Kaegi e Cantimori, due personalità diverse ma accomunate da un comune valore: lo studio e la ricerca storiografica intesi come un’attività educativa, morale e politica.

Leggi...

The EU is undermining its democracies while funding its autocracies

David Keneman e Jacob Soll su POLITICO.eu: It is high time the EU gets its priorities straight. A Union that imposes austerity on democrats while it subsidizes autocrats sets itself on a road to perdition.

Leggi...